migliori giacche a vento 2021

Come scegliere la migliore giacca a vento da donna del 2021

Le nostre esperte hanno testato oltre 40 delle migliori giacche a vento da donna negli ultimi mesi. Per il 2020, ne abbiamo acquistate 10 delle migliori sul mercato per vedere come se la cavano in montagna.
Le abbiamo portate a fare hiking, sci alpinismo, tour, arrampicata su ghiaccio e molto altro ancora.
Quando li indossiamo, notiamo relativamente traspirabilità, protezione, mobilità e comfort. Con i test effettuati principalmente nel centro-nord Italia, ogni giacca ha visto la sua giusta dose di tempeste e di tempo trascorso sotto la doccia. I nostri risultati sono riportati qui per aiutarvi a trovare una giacca che soddisfi le vostre esigenze e il clima in cui vi trovate.


Arc’teryx Beta SL Hybrid


L’Arc’teryx Beta SL Hybrid sta sviluppando una reputazione di eccellenza in questa recensione. Questa giacca utilizza un tessuto GORE-TEX Paclite Plus a 2 strati incredibilmente leggero e traspirante, con un tessuto a 3 strati posizionato strategicamente nelle zone di maggiore usura. L’uso di tessuti più leggeri permette al design di includere una serie di caratteristiche più complete, pur rimanendo leggero. Apprezziamo le cerniere e le tasche, la possibilità di regolazione e il casco compatibile con StormHood.

Come per molti prodotti Arc’teryx, il costo si accompagna, beh, al costo. Questo è il principale svantaggio della Beta SL Hybrid. Il tessuto più leggero è anche un po’ meno pronto per la montagna, limitando questa giacca a climi più moderati e ad ambienti meno aspri. Tuttavia, per la maggior parte delle attività all’aperto, questo è un grande tuttofare che vi porterà lontano e vi farà sorridere non importa il tempo.

Pro
Versatile
Leggero
Traspirante

Contro
Costoso
Troppo sottile per il freddo estremo

Acquista ora in offerta a €259 (Prezzo listino €300)


Arc’teryx Zeta SL

La giacca rigida Arc’teryx Zeta SL ha una resa fenomenale.
E’ realizzata in tessuto GORE-TEX Active a 3 strati di altissima qualità, che è il tessuto hardshell a 3 strati più traspirante realizzato da Gore.
Il materiale è morbido ed elastico, il che lo rende molto comodo da indossare in diverse condizioni. E’ anche incredibilmente leggero, il che lo rende uno standard per gli zainieri o gli arrampicatori attenti al peso.

Per rimanere così leggero, la caratteristica impostata sulla puntasecca è relativamente semplice. Al posto delle zip, le tasche frontali riempiono questo ruolo con la fodera in rete. Il tessuto è anche notevolmente leggero per un tessuto a 3 strati, il che significa che non è il più adatto per l’uso in alta montagna, e può impigliarsi più facilmente rispetto ai tessuti più rigidi. Nel complesso, la puntasecca è un ottimo hardshell per un ottimo prezzo.

Pro
Traspirante
Leggero
Grande rapporto qualitá/prezzo

Contro
Nessuna cerniera sotto le ascelle
Meno corpulento per le alte quote o il freddo estremo

Acquista ora in offerta a €189 (Prezzo listino €300)



Nike Dynamic Vent

Testiamo molte attrezzature, ed è facile diventare cinici e critici; dopo tutto, questo è il nostro lavoro.
Ma la Nike Dynamic Vent ci ha legittimamente entusiasmato.
Questa giacca ridefinisce la versatilità.
Per tanto tempo abbiamo desiderato un guscio leggero e traspirante, desiderose di usarlo in quei viaggi in cui vogliamo mantenere le cose leggere e semplici.
La Nike Dynamic Vent è la scelta giusta.

È importante ricordare che Nike Dynamic Vent è uno specialista ultraleggero. Ha delle tasche, e solo un semplice cordoncino sul cappuccio per fissarlo. Ma le caratteristiche aerodinamiche sono molto ben pensate. La tesa del cappuccio tiene la pioggia leggera lontana dagli occhi e i polsini e l’orlo inferiore assicurano la giacca attraverso tutti i terreni e tutti i tipi di movimento.
Questa è una giacca eccellente per le attività aerobiche ad alto rendimento e la nostra prima scelta per la corsa.

Pro
Ultraleggera
Raddoppia come giacca a vento
Confortevole

Contro
Piú di nicchia che versatile
Meno adatto a freddo estremo



Acquista ora in offerta a €249

Arc’teryx Beta AR

L’Arc’teryx Beta AR è una giacca a conchiglia altamente versatile.
Per anni è stato un modello di punta in questa recensione, e anche uno dei più popolari in montagna. Il design unico del collare offre un’eccellente tenuta contro le intemperie, e le guarnizioni DropHood, compatibili con il casco, sigillano bene intorno alla zucca.
Ci sono due tessuti utilizzati in questa giacca, entrambi a 3 strati GORE-TEX, ma le braccia sono realizzate in una versione più resistente per una maggiore usura, lasciando l’anima un po’ più traspirante, e aiutando a mantenere la giacca un po’ più leggera nel complesso.

L’intoppo principale per tutti questi professionisti è il costo.
Come ogni giacca Arc’teryx, la Beta AR è costosa. Dato che questa è stata un pilastro della loro linea di prodotti fin dal 2000, siamo abbastanza sicuri che la gente trova che ne valga la pena. Data l’eccellente durata e la versatilità per le avventure più fresche, questo è un ottimo investimento per il vostro guardaroba d’avventura.

Pro
Durevole
Ottimo per il maltempo
Molto versatile

Contro
Alcune caratteristiche insolite
Costoso

Acquista ora in offerta a €319 (Prezzo di listino €420)


Test delle giacche a vento!

Perché dovreste fidarvi di noi

Per questa recensione, la nostra commissione di esperti è composta da guide certificate e dall’alpinista Gianna Perrotta e dall’insegnante di scienze e atleta di resistenza Sonia Neri. Gianna guida nelle montagne di tutto il mondo, insegna corsi di valanghe per tutto l’inverno e allena gli atleti come Specialista Certificato di Forza e Condizionamento.
Chiama il nord-ovest d’Italia la sua casa “campo base”.
Sonia è originaria del Piemonte, dopo aver completato la sua laurea si é trasferita a Livigno.
Qui ha scoperto il trail running, completando la sua prima metà di maratona e ultra maratona in un anno.
Quando non è impegnata ad allenarsi come atleta di resistenza, a fare splitboarding o rafting, Sonia insegna scienze alle scuole superiori.

Per iniziare questo studio comparativo delle giacche a vento, abbiamo passato in rassegna i principali modelli del settore e abbiamo discusso i pro e i contro di ciascuno di essi. Da un pool di oltre 40 modelli, ne abbiamo selezionati oltre una dozzina che sembravano i più promettenti e li abbiamo messi alla prova.
Abbiamo trascorso almeno tre mesi con le giacche, trascinandole in una varietà di avventure in montagna da Livigno, all’Abetone passando per la Finlandia alle zone selvagge del Toscana, e anche in giro per la città, per buona misura.


Analisi e risultati dei test

Nella nostra prima fase di test, conduciamo una ricerca approfondita sul campo che stiamo studiando. Abbiamo esaminato i prodotti disponibili, scansionato le lineup di marchi rinomati, appreso tutte le attuali tecnologie dei tessuti, e poi abbiamo intervistato la nostra comunità di professionisti dell’outdoor per avere alcune delle loro forti opinioni sui “dovresti” e “non dovresti” di ogni buona giacca hardshell.

In laboratorio abbiamo fatto un brainstorming sul modo migliore per assemblare tutte le nostre ricerche e i dati (ancora da raccogliere) in un elenco di metriche di valutazione che si escludono a vicenda e che è esaustivo. Dopo molte riflessioni, ci siamo accordati su questi sette: Protezione dalle intemperie, mobilità, traspirabilità (inclusa la ventilazione), peso, caratteristiche, durata e versatilità.

Valore

Potremmo essere un gruppo di sportivi qui a Enersport, ma questo non significa che ci piaccia sprecare i nostri soldi in vestiti e accessori nuovi e fasulli solo per il gusto della novità. Siamo critici di cuore, e prendiamo il nostro lavoro con la stessa serietà del nostro gioco.
Abbiamo grandi aspettative e un sacco di risorse per eliminare la montatura del marketing. Il nostro rigoroso processo di selezione elimina la maggior parte delle erbacce, e poi le giacche vengono sottoposte a un accurato test sul campo per confermare o smentire la nostra ipotesi originale (cioè la speranza che stessimo acquistando una giacca decente). Questo è un utile documentazione delle nostre opinioni su ogni prodotto rispetto al costo.

Protezione dalle intemperie

Prima di tutto, una giacca rigida deve essere resistente alle intemperie. Questa è la nostra prima e più importante metrica perché, in ultima analisi, questo strato è fondamentale per la vostra sicurezza in un ambiente che cambia. Per valutare appieno la capacità di ogni giacca di resistere a qualsiasi tempesta, abbiamo testato ogni giacca in condizioni di tempo inclemente (pioggia o neve, a seconda dell’uso previsto di ogni giacca). Gli standard sono elevati per i tessuti difficili, quindi guardiamo con occhio critico a tutto ciò che può compromettere le prestazioni della giacca a prova di intemperie. Questo può includere maniche o lunghezze del busto troppo corte, o un cappuccio mal progettato.

Poi, abbiamo considerato quanto bene le giacche hanno tenuto il vento. Questo spesso si accompagna a neve e pioggia e ci ha permesso di valutare quanto “caldo” o “fresco” possa essere una giacca. I modelli più spessi, più pesanti, più corposi, sono più adatti alla protezione dalle intemperie, ma potrebbero perdere punti in termini di traspirabilità. Ci sono stati diversi livelli di materiale hardshell utilizzato nelle giacche che abbiamo recensito. Il più robusto e resistente alle intemperie comprendeva l’Arc’teryx Alpha SV con l’ultra robusto N100p-X 3L Gore-Tex Pro.

Questa è stata la giacca più resistente della recensione ed è comunque riuscita ad essere relativamente leggera. Alcune giacche erano orientate verso climi più miti, all’uso di tessuti corposi a favore del risparmio di peso o del miglioramento della traspirabilità.
Il massimo di livello in basso nello spettro dei resistenti alle intemperie sarebbe stato l’Arc’teryx Beta AR con tessuto GORE-TEX Pro, seguito da giacche realizzate con il più leggero tessuto a 3 strati, la linea Active di Gore-Tex, come la Nike Dynamic Vent.

La giacca Arc’teryx Beta SL Hybrid ci ha impressionato per l’uso della tecnologia Gore-Tex Paclite Plus a 2 strati, che era ancora molto resistente alle intemperie e incredibilmente leggera e traspirante, ma non era una giacca da poco come l’Alpha SV. Dopo aver testato a lungo nelle tempeste del nord-ovest del Pacifico e nei freddi climi interni durante l’arrampicata su ghiaccio, abbiamo trovato che il Mammut Nordwand è il più robusto per la protezione dalle intemperie; questo è eccellente per l’uso nelle regioni fredde. Anche se l’Arc’teryx Alpha SV è impressionante e corpulento.

Le giacche rigide non sono notoriamente morbide ed elastiche; ecco perché amiamo le giacche a guscio morbido. I softshell tendono ad essere più rigidi, e non sono necessariamente noti per la loro comodità e la facilità di movimento: servono a tenervi in vita in caso di tempo terribile. Detto questo, la tecnologia sta migliorando notevolmente, e mentre i materiali rimangono rigidi, il design può migliorare significativamente la mobilità di queste giacche. Per valutare la mobilità di ogni giacca, abbiamo scalato il ghiaccio scosceso, siamo andati a fare sci di fondo, ci siamo fatte le salite miste e abbiamo fatto escursioni in condizioni di tempo inclemente, facendo passare ogni giacca attraverso la proverbiale strizzatura.

La maggior parte delle giacche Arc’teryx sono decisamente più plastificate; tuttavia, il design dei pannelli e le ascelle a soffietto, così come alcuni disegn di maniche raglan, permettono a questi tessuti più rigidi di sentirsi sorprendentemente mobili. Abbiamo particolarmente apprezzato la vestibilità e il movimento atletico dell’Arc’teryx Alpha FL, progettato specificamente per l’arrampicata tecnica.

La nostra scelta di punta, l’Arc’teryx Beta SL Hybrid, è una giacca versatile, “most-mountain” (non proprio “all-mountain”). Con cerniere a pozzetto e un tessuto leggermente più resistente, questa giacca è di casa in una varietà di climi e attività.

Nike continua a rubare la scena, con la Dynamic vent, la loro nuova giacca da trail running. Questa giacca si muove bene nelle tipiche gamme di movimento durante la corsa (oscillazione delle braccia), ma a differenza di altre giacche da running rain jacket che abbiamo testato, permette anche di alzare le braccia in alto. Questa giacca è stata una delle preferite.

Traspirabilità e ventilazione

È giovedì; è ora di fare il giro di pattuglia all’alba con le signore.
C’è la classica inversione invernale, e le temperature sono gelide quando si lascia l’auto in testa al sentiero. Una leggera nevicata crea un’atmosfera piacevole. Ci si riscalda lentamente, aumentando il ritmo mentre il corpo si adatta all’allenamento mattutino.

Il caffè sta facendo effetto, e c’è un luccichio di sole all’orizzonte.
Salendo per qualche centinaio di metri, si entra in un’aria più calda; si è usciti dal freddo lavandino d’aria della valle! All’improvviso, ti stai surriscaldando. Non vuoi fermare la tua ciurma durante la salita; si vede che tutti hanno appena iniziato a fare passi da gigante.
Ma sai anche che non vuoi sudare, soprattutto per lo sci che scende verso le auto attraverso la gelida massa d’aria della valle. Inoltre, sta iniziando a nevicare ancora di più, quindi bisogna restare asciutti sia all’interno che all’esterno. Potresti aver superato la traspirabilità della tua giacca rigida quando sei entrato nell’aria più calda e umida, ma non sei preoccupata, ecco a cosa servono quelle cerniere per i box. Aprite le vostre prese d’aria laterali senza saltare un passo, e siete di nuovo a passo con i vostri migliori amici. È così bello quando le cose fluiscono e basta.

Amiamo una semplice giacca che respira senza l’aggiunta o il bisogno di bocchette d’aria. Tuttavia, dato che è probabile che si lavori sodo in ambienti umidi (se piove), a volte l’umidità inibisce la diffusione del vapore acqueo dall’interno della giacca verso l’esterno. In questi casi, abbiamo scoperto che le cerniere a pozzetto sono molto più critiche per la traspirabilità. Abbiamo guardato il numero di bocchette d’aria che ogni giacca aveva, quanto erano grandi, in quale direzione (o in quali direzioni) si chiudevano con la zip e quanto bene funzionavano nelle loro particolari posizioni.

Ci sono piaciute le cerniere a fossa che si aprivano da entrambe le estremità della cerniera, come sulla Norrona Trollveggen, perché questo design favorisce il flusso d’aria aprendo due fori di ventilazione più piccoli all’interno del braccio e del torso. Nike dynamic vent è uno dei più alti marcatori in questa metrica: è traspirante quasi quanto una maglia a vento. Nike ha eliminato il tessuto del viso, che lo rende incredibilmente traspirante e leggero.

Il vincitore di quest’anno, l’Arc’teryx Beta SL Hybrid, è realizzato con la tecnologia GORE-TEX Paclite, un tessuto a 2 strati altamente traspirante. Questo Hybrid è dotato anche di cerniere a pozzetto, il che lo rende una delle giacche hardshell più ventilate e altamente traspiranti che abbiamo testato. Anche il Nike Dynamic vent è molto performante in questa metrica; non ha cerniere a pozzetto, ma le tasche alte a mano hanno un interno in rete che permette di raddoppiare le prese d’aria del nucleo, in modo che si possa ancora perdere calore in fretta.

Peso

Se siete alla ricerca di una giacca ultra resistente da portare con voi in lunghe avventure di più giorni, è importante che bilanci la protezione dalle intemperie con una relativa leggerezza. Si potrebbe sacrificare un grammo o due o due per una maggiore durata e protezione dalle intemperie; tuttavia, la tecnologia consente sempre più spesso di avere tessuti sempre più leggeri che resistono alle peggiori condizioni atmosferiche che Madre Natura può lanciarvi contro.

Sul lato opposto dello spettro ci sono le conchiglie ultraleggere, come l’Arc’teryx Zeta SL.
Si tratta di un’ottima giacca ultraleggera in conchiglia per i tempi in cui ogni oncia conta, ma ha una portata un po’ limitata ed è ottimizzata per l’escursionismo e il trekking. Portando il concetto di ultraleggero un passo avanti, Nike Dynamic vent, progettato per il trail running, è uno specialista di ultraleggeri. Ha poche tasche e poche caratteristiche, ma è un sogno traspirante che diventa realtà. Per una giacca da alpinismo ad alte prestazioni, l’Arc’teryx Alpha FL ci colpisce molto. É fatta di tessuto GORE-TEX Pro a 3 strati che è il massimo per alcune serie avventure in alta montagna, ma rimane incredibilmente leggero attraverso la semplicità e l’applicazione ponderata delle caratteristiche.

Le giacche più impressionanti hanno offerto un alto livello di versatilità per un peso incredibilmente basso.
Abbiamo amato tutte le giacche Arc’teryx per la loro capacità di bilanciare mobilità e durata, il tutto in un’impressionante leggerezza per l’intera serie di caratteristiche che offrono. Questa è una categoria che ogni consumatore deve calibrare per i propri usi specifici: per esempio, ci è piaciuta molto anche la sensazione del Patagonia Cloud Ridge e abbiamo pensato che si comportasse bene sia per lo sci e lo snowboard che per l’alpinismo e l’arrampicata alpina.

Caratteristiche

A volte le piccole cose possono fare una grande differenza.
Guardando le caratteristiche, abbiamo considerato un insieme di cose diverse che rendono una giacca più versatile, confortevole e funzionale. Per esempio, abbiamo guardato a quanto fossero grandi le linguette a strappo per regolare cappucci e orli. Abbiamo anche considerato il design delle tasche, il loro numero, la profondità e la posizione. La maggior parte delle giacche di questa recensione sono compatibili con casco e imbracatura, ma alcune hanno un design specifico delle tasche che abbiamo preferito, come le tasche pettorali Napoleone e le tasche interne del petto.
Abbiamo scansionato ogni giacca, dal cappuccio all’orlo, per estrarre qualsiasi caratteristica che corrispondesse o confondesse lo scopo finale della giacca. Abbiamo premiato le caratteristiche semplici sulle giacche ultraleggere in modo simile a quelle più estese e complete delle giacche più costose.

Le caratteristiche più essenziali e distintive sono, più o meno in quest’ordine: qualità del cappuccio, tasche (soprattutto sul petto) e caratteristiche di regolazione. Un cappuccio deve essere abbastanza grande da poter ospitare un casco, ma abbastanza regolabile da essere comodo quando non lo si indossa. Si tratta di giacche tecniche rigide, progettate per resistere all’uso alpino, dove è probabile che si indossi un casco. Abbiamo anche ritenuto essenziale avere un cappuccio che si spostasse con voi quando vi girate per guardare da un lato all’altro o dietro di voi perché è fastidioso girare la testa e ritrovarsi a guardare l’interno del cappuccio invece che il vostro compagno che si arrampica per incontrarvi in sosta.

Le tasche pettorali sono una delle caratteristiche preferite dai nostri recensori. Una tasca pettorale decente permette un facile accesso a oggetti cruciali come l’elettronica, il GPS, le mappe e li tiene asciutti in caso di acquazzone. Questo significa che le tasche interne con cerniera sono ottime, ma più difficili da accedere, quindi un’altra buona alternativa è una cerniera impermeabile all’esterno. Riguardo design delle tasche: si può accedere alle tasche a mano quando si indossa un’imbracatura?

La Nordwand Pro è piena di caratteristiche alpine e di neve, come una gonna da neve, cerniere a pozzetto, e una striscia di elastico che la chiude ermeticamente intorno al viso. Ha anche una buona quantità di tasche di buone dimensioni ed è compatibile con il casco. Tutte le cerniere sono impermeabili (tranne la tasca laterale). Questo giubbotto è l’ideale per una serie completa di funzionalità.

L’adattabilità è una caratteristica significativa per una giacca a prova di intemperie. Questo concetto si sovrappone alla metrica di protezione dalle intemperie, ma va oltre: quanto era facile da regolare con i guanti caldi?

E infine, ma non meno importante, abbiamo considerato come l’insieme completo delle caratteristiche si adattasse al meglio all’applicazione di ogni giacca. L’Arc’teryx Beta SL Hybrid è una giacca semplice e leggera, quindi ha ottenuto un punteggio molto alto perché ha una serie di caratteristiche aerodinamiche ma maneggevoli. L’Arc’teryx Alpha SV, invece, è un corpulento e robusto con molte altre caratteristiche, quindi si è adattato molto bene all’utilità del modello.

Durata

La durata è la chiave per un indumento che si suppone mantenga in vita nelle peggiori condizioni.
Per non parlare del fatto che queste giacche sono costose, quindi è meglio che durino un po’. Come guide e professionisti dell’outdoor, abbiamo una vasta esperienza con i materiali utilizzati in queste giacche. Per prima cosa abbiamo fatto una ricerca su ogni tipo di tessuto per conoscere la sua classificazione in base allo spessore. Poi abbiamo tirato fuori le giacche su una varietà di avventure pazze… ehm… graffianti, come il ghiaccio e l’arrampicata alpina, per vedere con quanta facilità il tessuto si impigliasse su attrezzi appuntiti o si graffiasse sulle pareti rocciose. Oppure picchiare i cespugli. Ma non ne vogliamo parlare.

Alla fine dei nostri test sul campo, abbiamo guardato di nuovo il tessuto e abbiamo cercato eventuali segni di usura. In questo modo, siamo stati in grado di valutare i problemi di durata nel mondo reale.
Per rispondere meglio a questa domanda, abbiamo interpellato i professionisti del settore per avere informazioni su alcuni tipi di tessuto e stili di produzione. Cosa porta al fallimento a lungo termine? Quali tessuti resistono meglio all’abrasione a lungo termine? Alla fine, abbiamo messo tutto insieme per raccontare la storia del potenziale di durata di ogni giacca.

I modelli Arc’teryx guadagnano il massimo dei voti per la durata. La loro costruzione è superiore, con cuciture elaborate e sovrapposizioni saldate che garantiscono la durata. I loro tessuti più rigidi resistono molto meglio all’attrito e all’abrasione, come lo sfregamento delle cinghie dello zaino. E fortunatamente, Arc’teryx ha scoperto dei modelli di cuciture che permettono un’articolazione molto naturale nelle loro giacche.

La durevolezza ha spesso un costo in termini di peso, ma questo non è il caso dei modelli Arc’teryx di questa recensione; tuttavia, il prezzo viene letteralmente a costare. I prodotti Arc’teryx sono costosi!
Quindi, se questo è un motivo per lasciare perdere per voi, ma la leggerezza non lo è, noi amiamo le prestazioni che la Flylow Vixen fornisce.
E naturalmente, una scelta eccellente per qualità e durata a tutto tondo è il Norrona Trollveggen, realizzato in robusto GORE-TEX Pro.

Versatilità

E’ bello avere una giacca rigida da portare con sé in tutte le attività che richiedono una protezione dalle intemperie a prova di bomba, dallo sci di fondo, alle escursioni con le racchette da neve, alla corsa, alle escursioni, all’arrampicata su ghiaccio, all’alpinismo e a tutto il resto.
Per testare questa metrica, abbiamo portato ogni modello con noi su queste attività.

Abbiamo notato quali conchiglie erano più adatte per un unico scopo e quali offrivano prestazioni elevate in più attività. Abbiamo passato le giacche ai nostri amici e abbiamo lasciato che scegliessero quali portare fuori per una giornata di arrampicata su ghiaccio o di sci alpinismo. Abbiamo poi ascoltato la loro gioia o le loro lamentele e ci siamo scusati quando i test sono andati male, ma soprattutto, erano entusiasti di provare una linea così stellare di giacche a vento rigide.

Abbiamo scoperto che i modelli più versatili erano quelli più traspiranti. Questi capi si sono spesso guadagnati dei premi perché si possono usare per praticamente qualsiasi attività, dallo sci, all’arrampicata su ghiaccio, all’escursionismo e persino alla corsa. E nella nostra valutazione, la versatilità si lega direttamente al valore, perché se spendi centinaia di euro per una giacca, è importante essere sicuri che ti terrà coperto in tutte le tue avventure in montagna, e che durerà anche per un po’ di tempo.

La Nike Dynamic vent getta una chiave di volta nel nostro concetto di versatilità. Questa giacca è molto di nicchia ed è la migliore per il trail running e, a prima analisi, non molto di più. Ma respira così bene che è anche del tutto ragionevole lasciare a casa la giacca a vento per la prossima avventura ultraleggera. Ora, questo è fantastico. Non è versatile come una giacca a vento impermeabile, ma è immensamente versatile come una camicia a vento impermeabile!

Conclusione

Un giacca antiproiettile non é molto flessibile.
Deve essere abbastanza resistente da tenere fuori le intemperie, ben attrezzata per adattarsi alla vostra attività di scelta e abbastanza traspirante da permettervi di arrampicarvi, fare escursioni, pagaia, sciare, ecc. al vostro ritmo. Questo significa che la giacca deve tenere fuori l’acqua, e poi deve far uscire il vapore acqueo mentre si suda; è molto da chiedere quando ci si pensa davvero.
In questa recensione, abbiamo identificato diversi modelli di nicchia per atleti sportivi specifici, oltre a modelli di uso più generale che funzioneranno per una varietà di avventure. Ci auguriamo che questa recensione vi aiuti a orientarvi verso la giacca shell più adatta a voi e alle vostre avventure.