nike alphafly

Nike Air Zoom Alphafly Next%


Intro


La parola alfa, prima lettera dell’alfabeto greco, è usata oggigiorno per descrivere qualcosa che è forte e potente; qualcosa che è primo. Questo è il nome perfetto per la scarpa da corsa Nike Flagship che sarà la prima arma scelta per la maggior parte degli atleti di maratona d’élite Nike. L’Alphafly Next% è il modello di produzione del prototipo che Kipchoge ha utilizzato per correre la prima distanza di maratona sub 2 in assoluto nell’ottobre 2019. I corridori stavano già sbavando per metterne le mani su un paio allora. Molte persone pensano che Alphafly Next% sia il sequel di Vaporfly Next%, ma Vaporfly Next% 2 dovrebbe essere lanciata entro i prossimi 12 mesi. L’Alphafly è una scarpa completamente diversa.
Da quando Nike ha lanciato la Vaporfly 4% e la Vaporfly Next%, altri marchi hanno dovuto recuperare terreno e hanno faticato a produrre una scarpa Marathon in grado di competere con la Vaporfly in ammortizzazione e propulsione.
Ora, Nike sta cercando di andare ancora più avanti rispetto ai suoi concorrenti con l’Alphafly. Penseresti che una scarpa da corsa da €300 sarebbe difficile da vendere in un anno in cui ora le maratone sono state annullate ma no, l’Alphafly si esaurisce in pochi secondi. Per acquistare il mio paio ho dovuto inviare il mio miglior tempo per 1 km, 5 km o 10 km tramite l’app Nike Run Club. Dovevo ancora acquistarlo in base all’ordine di arrivo non appena ho ricevuto la notifica dell’app. In questo modo, Nike si è assicurata che i corridori effettivi acquistassero l’Alphafly e non gli sneakerhead che cercassero di realizzare un rapido profitto nel mercato secondario. Allora, cosa c’è di così buono nelle Alphafly da rendere quasi impossibile l’acquisto anche se la scarpa da corsa più costosa del pianeta.

Prime impressioni

Il colourway che ho ordinato è noto come “Tokyo Watermelon” ed è il colourway che sarebbe stato utilizzato dagli atleti d’élite Nike alle olimpiadi di Tokyo. Mi piace molto il modo in cui il pod Zoom Air sul lato laterale è rosso, abbinato al grande swoosh rosso sul lato laterale della tomaia mentre il pod Zoom Air sul lato mediale è verde e corrisponde allo swoosh verde sul mesopiede della tomaia.

Quando tenevo la scarpa in mano per la prima volta non potevo credere a quanto fosse leggera per una scarpa così grande. La schiuma ZoomX è davvero un meraviglioso pezzo di tecnologia. Indossare l’Alphafly mentre si indossano calzini spessi ha richiesto un po ‘di forza a causa della piccola apertura e della vestibilità aderente da corsa. La mia prima corsa è stata di 15 chilometri a un ritmo prevalentemente maratona (5,39 per chilometro). Ho anche aggiunto un ritmo di circa 10 km e segmenti più lenti. La prima cosa che ho notato è stata la stabilità della scarpa grazie all’ampio avampiede che si allarga. Il Vaporfly Next% ha un design molto stretto e alto e favorisce gli attaccanti dell’avampiede / mesopiede mentre l’Alphafly è adatto anche agli attaccanti del tallone. La seconda cosa che ho notato è stata quanto fossero incredibilmente ammortizzati. Si sentivano più morbide di ogni altra scarpa rivestita in carbonio con cui ho corso (tranne la FuelCell TC) e ancora più morbida della Vaporfly Next% che è già una scarpa molto ammortizzata. Ho capito subito che avrei potuto correre una maratona completa con loro.



Suola


Quando ho visto per la prima volta Kipchoge correre con l’Alphafly a Vienna, ho pensato tra me e me: “Quelli sembrano così goffi. Devono essere instabili e difficili da affrontare “. Non avrei potuto sbagliarmi di più. Quello che non sono riuscito a vedere da vicino è che l’avampiede dell’Alphafly si allarga, creando una base ampia e stabile. Anche il mesopiede è più largo di quello del Vaporfly 4% e del Next%. Questo design rende l’Alphafly estremamente stabile, anche per i tallonatori. Non ho nemmeno dovuto rallentare quando arrivavo a una svolta. Per me, la caratteristica migliore di Alphafly è il foro nella parte inferiore della scarpa che ti permette di vedere la piastra in carbonio. Funzionalmente, questo foro fa un paio di cose per migliorare la scarpa: rende gli atterraggi più morbidi perché consente alla schiuma di comprimersi attraverso il foro e perde anche un po ‘di peso – con le scarpe da corsa, ogni grammo conta. La piastra in carbonio (denominata Flyplate) nell’Alphafly funziona allo stesso modo della Vaporfly ma in modo diverso dagli altri corridori in carbonio.

Più velocemente corri, più duramente atterri, più Zoom Air si comprime e più alto è il livello di rimbalzo.

La suola dell’avampiede è interamente rivestita in gomma spessa mentre il tallone ha due lunghe strisce verticali di gomma che sono incassate nell’intersuola. C’è un’area sul mesopiede che non è ricoperta di gomma ma quell’area non tocca mai il suolo perché si trova dietro le capsule d’aria galleggianti. Ho parlato molto degli aspetti tecnici della scarpa. Allora come funziona?
L’Alphafly ha superato di gran lunga le mie aspettative. Sapevo già che era un demone della velocità con la reattività esplosiva per infrangere i record mondiali. Quello che mi ha sorpreso è stato quanto fosse buono l’Alphafly su piste facili e rilassate. Si sentivano ammortizzati e rimbalzanti con zero poltiglia ma comunque molto efficienti grazie alla piastra in carbonio e alle unità Zoom Air.
La schiuma dell’intersuola, la piastra in carbonio e i pod Zoom Air lavorano tutti insieme in modo incredibilmente coeso. Userei senza alcuna esitazione l’Alphafly come trainer quotidiano se il prezzo non fosse un problema. Questo è quanto si è sentita bene l’Alphafly nelle mie corse facili.
Una cosa negativa di Alphafly è che la sensazione al suolo è inesistente. L’intersuola spessa, la piastra e gli airbag mettono molta distanza tra te e la strada. L’Alphafly è anche una scarpa rumorosa. Non solo la gomma spessa della suola schiaffeggia il terreno, ma ho anche sentito un ticchettio proveniente dalla scarpa sinistra durante la corsa. Non sono riuscito a individuare da dove provenisse il clic, ma molto probabilmente è la piastra dura contro le unità Zoom Air. Non descriverei le transizioni di guida sull’Alphafly come fluide. Il suo mesopiede galleggia sopra il terreno in modo da passare direttamente dal tallone all’avampiede. Le transizioni sembrano molto “meccaniche” o simili a macchine con l’intreccio di componenti nella suola. La trazione era buona su strade asciutte e bagnate e su asfalto asciutto, ma era un po ‘scivoloso su asfalto bagnato. Quando si tratta di durata, la schiuma ZoomX di Alphafly inizierà a mostrare immediatamente delle pieghe, ma non altera la corsa.
ZoomX è ottimo per mantenere la sua morbidezza e rimbalzo per centinaia di chilometri. Ho visto una leggera usura sulla gomma dell’avampiede e sul lato posteriore del tallone ma l’Alphafly sembra una scarpa davvero ben costruita. Riserverò le mie per i giorni di gara e le occasioni speciali, però, a causa dell’elevato costo per chilometro.


Unitá superiore

Sai come nel tempo i tuoi calzini spessi, bianchi e soffici si assottigliano, quindi quando li allunghi puoi vedere attraverso di loro? Questo è ciò che mi ricorda la tomaia Atomknit di Alphafly a causa della sua struttura aperta a rete. Atomknit è una nuova generazione di Flyknit che è molto più traspirante, più leggera e respinge meglio i liquidi in modo che la scarpa rimanga leggera durante le gare. Nike afferma che Atomknit è stato stirato e stirato. Al tatto, sembra più duro e ruvido rispetto alle versioni precedenti di Flyknit. C’è poco da fare. La costruzione del bootie ha un’imbottitura minima ad eccezione di un piccolo baccello di schiuma all’interno del colletto del tallone per evitare che il tallone scivoli. Ho trovato la tomaia di Alphafly davvero comoda e accomodante per una scarpa da corsa. Il tallone e la parte centrale del piede sono aderenti ma non stretti e la punta è profonda e ampia. Ci sono doppi occhielli dell’ultima fila ma non puoi allacciare il tallone a causa della costruzione del bootie.
Ho trovato il lockdown fantastico e non ho mai sentito il bisogno di allacciare il tallone. Preferisco indossare calze di media lunghezza e spesse nell’Alphafly perché il suo colletto è alto, quindi i calzini bassi potrebbero causare irritazioni intorno alla caviglia inferiore. I calzini più spessi hanno reso la scarpa più comoda per me perché Atomknit è così sottile e priva di qualsiasi ammortizzazione.
Nel complesso, l’Alphafly si adatta perfettamente alle dimensioni con ampio spazio per le dita e un mesopiede e un tallone aderenti (ma non stretti).



Conclusione

Sarà davvero difficile conservarle per il giorno della gara perché sento il bisogno di fare tutte le mie corse con loro. Che si tratti di corse facili, di soglia o di tempo, Alphafly si sente bene su tutte. Ciò che distingue l’Alphafly dalle altre scarpe da corsa in carbonio è che è molto più ammortizzata e stabile, quindi confonde i confini tra trainer e pilota. L’Alphafly è un vero tuttofare. Puoi usarle per una gara di 5 o 10 km o per una mezza o intera maratona. Le userò per le maratone, quando voglio molta protezione e non mi dispiace non avere alcuna sensazione a terra.
Il Vaporfly con il suo design alto e stretto lo rende più adatto ai corridori d’élite con una forma perfetta mentre l’Alphafly è adatto a una gamma più ampia di corridori.
Con l’Alphafly, Nike è riuscita ad arrivare ancora più avanti rispetto al gruppo.
Gli altri marchi hanno molto da recuperare. A mio parere onesto, l’Alphafly Next% vale tutto il suo prezzo enorme e vale tutto lo sforzo per acquistarle.

Acquista a €299

Acquista in offerta a €228